Home » Consigli e strategie per e-commerce » Come utilizzare i dati strutturati e guida all’importazione prodotti da WebURL con file CSV

Come utilizzare i dati strutturati e guida all’importazione prodotti da WebURL con file CSV

La corretta presenza dei dati strutturati nelle pagine del tuo shop è essenziale non solo alla visibilità del tuo sito sui motori di ricerca, ma è condizione necessaria anche per consentire lo scambio dati dei tuoi prodotti con eShoppingAdvisor, in quanto rappresentano uno standard di organizzazione e rappresentazione dei dati.

 

Cosa sono i dati strutturati?

I dati strutturati sono un formato standardizzato per fornire informazioni su una specifica pagina e classificarne il contenuto.  Tecnicamente definiti come schema markups servono a facilitare i motori di ricerca nella organizzazione e visualizzazione dei contenuti delle varie pagine: in sostanza presentiamo loro in un formato standard l’argomento della pagina ed eventualmente come è correlato rispetto ad altre entità, o argomenti.
Il motore può utilizzare queste informazioni per aggiungere “rich snippet” e altre funzionalità per fornire agli utenti altre informazioni aggiuntive utili. Per esempio, la ricerca di un ristorante potrebbe offrire agli utenti anche il voto medio delle recensioni ottenute e la fascia di prezzo tipica, mentre per un film possono comparire dati su premi vinti o attori protagonisti.

Per i motori di ricerca questi sono dei dati fondamentali per meglio capire quello che i proprietari dei siti stanno mostrando sulla pagina.

Queste informazioni non sono direttamente visibili all’utente che visita il sito web, e vengono inserite all’interno del codice che compone la pagina web, in apposite strutture che aiutano a trasformare il contenuto della pagina in un dato, che viene anche chiamato metadato.

 

A cosa servono e quali sono i vantaggi di utilizzare i dati strutturati?

I dati strutturati servono a individuare quelle che si definiscono “entità” semantiche (Organizzazione, Prodotto, Recensione, Persona, Ricetta, Articolo…) e le relazioni che intercorrono tra le varie entità (p.e. una Persona è Autore dell’Articolo presente sul Sito che appartiene ad una Organizzazione).

L’individuazione delle entità, la precisione e la ricchezza delle informazioni in esse contenute, e le relazioni tra queste, aiutano i motori di ricerca a capire meglio, a livello semantico, i dati contenuti nella pagine, al fine di soddisfare nel modo più efficiente possibile, gli intenti di ricerca degli utenti.

 

Lo standard schema.org

Lo standard scelto come guida per l’inserimento e l’adozione dei dati strutturati è formalizzato sotto schema.org, un sito nel quale sono presentate tutte le possibili relazioni e le possibili entità con i valori ammissibili. Schema.org di fatto è un “vocabolario” standard che contiene tutti i tipi di marcatura semantica riconosciuti dai principali motori di ricerca.

 

I campi che utilizziamo in eShoppingAdvisor

Attualmente ci sono diverse categorie riconosciute da schema.org, come: articoli, attività commerciali, film, prodotti, ecc.

eShoppingAdvisor, seguendo in maniera puntuale i requisiti standard indicati da schema.org, si concentra principalmente sulla entità “Prodotto” (Product). Inoltre esistono dei campi che per eShoppingAdvisor sono necessari ed altri che possono migliorare sicuramente la qualità della visualizzazione dei risultati di ricerca.

  • Il costrutto a cui si fa riferimento è https://schema.org/Product. I dati necessari sono il “name” ossia il nome del prodotto.
  • Il campo “image”, all’interno del “product” che rappresenta l’immagine legata al prodotto. Il campo “image” può essere una URL con indirizzo completo – ovvero comprensivo di protocollo http(s):// – oppure un oggetto immagine come da specifica: https://schema.org/image
  • Altri dati fondamentali sono il prezzo e la valuta del prezzo, per questo si definisce un campo “offer” (https://schema.org/Offer) all’interno del “product” con i dati del prezzo (https://schema.org/price) e della valuta (https://schema.org/priceCurrency).
  • Un altro dato fondamentale è la descrizione del prodotto che deve esser contenuta nel campo “description” del “product”.
  • E’ richiesta anche la disponibilità del prodotto, ossia il campo “availability” qui documentato: https://schema.org/ItemAvailability

A questi campi obbligatori per essere indicizzati sul nostro motore di ricerca, si affiancano 2 campi non obbligatori:

  • E’ possibile specificare il nome del brand a cui appartiene il prodotto nel campo “brand” del “product”.
  • E’ anche possibile specificare la categoria del prodotto all’interno del campo “category” del “product”.
  • E’ possibile indicare la “url” della pagina del prodotto all’interno del nodo Offer.
  • Sempre nel nodo offer è consigliabile impostare la disponibilità (“availability”)

Tutte le specifiche di questi dati ed i formati sono individuati nel documento: https://schema.org/Product

Formati di presentazione dei dati strutturati

In eShoppingAdvisor prendiamo in considerazione i dati strutturati nei formati: JSON-LD, Microdata ed RDFa.
Il formato JSON-LD è quello più consigliato, anche da motori di ricerca come Google. L’acronimo sta a significare: JavaScript Object Notation for Linked Data ed è quindi rappresentato come un pezzo di codice JavaScript all’interno dell’HTML della pagina.

I Microdata e l’RDFa vengono direttamente inseriti nei tag HTML che costituiscono la pagina. Ecco un esempio di schema in formato json-ld. Lo script può essere posizionato all’interno del tag <head> come nel tag <body>.

    {
      "@context": "https://schema.org/",
      "@type": "Product",
      "name": "Nome del Prodotto",
      "image": [
        "https://www.sito.com/images/foto.jpg"
       ],
      "description": "Il nostro bellissimo Prodotto",
      "sku": "0446310786",
      "mpn": "925872",
      "brand": {
        "@type": "Brand",
        "name": "Nome dell’azienda o del produttore"
      },
      "review": {
        "@type": "Review",
        "reviewRating": {
          "@type": "Rating",
          "ratingValue": "4",
          "bestRating": "5"
        },
        "author": {
          "@type": "Person",
          "name": "Nome di chi ha recensito il prodotto"
        }
      },
      "aggregateRating": {
        "@type": "AggregateRating",
        "ratingValue": "4.4",
        "reviewCount": "89"
      },
      "offers": {
        "@type": "Offer",
        "url": "https://www.sito.com/url-del-prodotto",
        "availability": "http://schema.org/InStock",
        "priceCurrency": "EUR",
        "price": "11.99",
       }
    }

 

Ho implementato lo schema markup ma non vedo nessun miglioramento…

L’implementazione di queste strutture semantiche, inoltre, per quanto positive e consigliate a livello di Search Engine Optimization, non garantiscono di per sé un miglioramento della pagina nel posizionamento sui motori di ricerca, né di ottenere in modo automatico e istantaneo il cosiddetto “rich snippet”.
Il dato strutturato, come detto, si limita a favorire l’interpretazione del contenuto della pagina ai motori di ricerca, a livello semantico. Il motore di ricerca potrebbe stabilire, in base ai propri algoritmi, che la pagina non abbia un contenuto sufficientemente interessante o di qualità.
Quello che è importante, è prevenire o correggere situazioni a livello di testo o di codice, che possono influire negativamente nella lettura della pagina da parte dei bot. Alcune indicazioni:

  • controllare che diversi plugin non installino codice duplicato o ridondante (è controproducente ripetere in ogni pagina del sito lo stesso schema Organization o LocalBusiness, per esempio)
  • validare il codice generato della pagina affinché non contenga errori (di qualsiasi tipo)
  • è opportuno che sul sito sia installato un protocollo SSL
  • controllare che nel testo non siano presenti termini o frasi sconvenienti, parolacce etc.
  • controllare che le pagine siano inviate ai motori tramite una sitemap
  • evitare codice di markup inserito in modi diversi (cioè descrivere un metadato sia in json sia nel codice html per esempio)

 

Controllo e validazione dei dati strutturati

Per controllare se la struttura è formalmente valida, ossia se rispetta le regole previste, è indispensabile controllare, anche periodicamente, le pagine generate del sito tramite strumenti di controllo online. Quello più noto è fornito da google (https://search.google.com/test/rich-results) ma è sufficiente un breve ricerca nel web “controllo dati strutturati”.
Si raccomanda, sempre, di collegare il proprio sito web a Google Search Console (e a Bing Webmaster Tool) in quanto lo strumento permette di controllare se ci sono errori nelle pagine scansionate dal motore di ricerca.

 

Guida all’importazione prodotti da WebURL (file CSV)

URL del feed

Il file deve essere posizionato su un indirizzo HTTPS da cui sarà possibile recuperarlo.
Ti preghiamo di non utilizzare timestamp o altre informazioni che modificherebbero l’URL del feed in maniera dinamica, in quanto ciò ci impedirebbe di prelevare il file.

Codifica

Utilizzare una delle seguenti codifiche per il file dei prezzi:
UTF-8, UTF-16, ISO-8859-1, Windows-1252

Formato

Il formato dovrà essere CSV: il file dei prezzi non può essere in Excel o in qualsiasi altro formato che non sia di testo.

CSV

I dati devono essere strutturati in righe e colonne, dove una riga rappresenta un prodotto e ogni colonna è costituita da campi con informazioni sul prodotto.
Ogni campo o colonna deve essere separato dal punto e virgola (;).
Usa “qualificatori di campo” all’inizio e alla fine di ogni campo. I “qualificatori di campo” consigliati sono le virgolette singole ( ‘ ‘ ) o doppie ( “ ” ).
Download > Un esempio di file CSV puoi trovarlo qui (inserire link ipertestuale)

Specifiche e ordine dei campi

Di seguito è riportata una tabella contenente le colonne consigliate. I nomi delle colonne che si trovano nel file non sono importanti, mentre L’ORDINE DELLE COLONNE È FONDAMENTALE e non può essere cambiato, altrimenti il file non sarà riconosciuto come valido.
I campi non devono mai contenere codice o tag HTML o javascript.
Nel caso in cui un valore o una colonna dati non obbligatoria risulti mancante è necessario lasciare quel campo colonna VUOTO e non rimuoverlo.

L’ORDINE È IMPORTANTE

1) name | Nome del prodotto (obbligatorio)

Qualsiasi variante o modello di un prodotto deve essere chiaramente indicato, così da consentire al motore di ricerca e ai filtri di eShoppingAdvisor di riconoscerlo.
Prova a utilizzare le parole chiave grazie alle quali vuoi essere trovato.
Il nome che darai al tuo prodotto verrà utilizzato per mostrare quest’ultimo tra i risultati della ricerca effettuata dall’utente. Includi i dettagli che definiscono il tuo prodotto e metti al primo posto quelli più importanti. È probabile che gli utenti vedano solo i primi 70 caratteri o meno del tuo titolo, a seconda delle dimensioni del proprio schermo.
Usa parole chiave. Le parole chiave aiuteranno a collegare il tuo prodotto alla ricerca di un utente e aiuteranno l’utente a riconoscere ciò che stai vendendo. Le tue parole chiave potrebbero includere questi tipi di dettagli del prodotto:
Nome del prodotto;
Dettagli specifici sul prodotto.
Non includere informazioni su sconti, saldi o stock nel nome o il prodotto verrà scartato.

2) brand | Nome del brand a cui appartiene il prodotto (non obbligatorio)

Il brand del prodotto.
Valori ACCETTATI:
brand: Nike (SI)
brand: Versace (SI)
Valori NON ACCETTATI:
brand: Pantaloni (NO)
brand: emarketplace.it (NO)

3) picture_url | Url pubblico dell’immagine del prodotto (obbligatorio)

URL dell’immagine del prodotto.
Esempio: https://www.myeshop.it/product.jpg

4) price | Prezzo. Usa “.” come separatore della parte decimale (obbligatorio)

Il prezzo del prodotto deve essere comprensivo di IVA. La valuta non deve essere indicata in questo campo, ma in un campo separato già previsto. Usa un punto come indicatore decimale.
Esempio:
Valori ACCETTATI:
price: 25.50 (SI)
price: 67.40 (SI)
Valori NON ACCETTATI:
price: 25,50 (NO -> la virgola separa i decimali)
price: 25.50€ (NO)
price: 39.34 euro (NO)

5) category | Nome categoria attribuita al prodotto (non obbligatorio)

Utilizza le “informazioni breadcrumb” complete. Dove possibile, ti consigliamo di includere categorie più specifiche in quanto aiutano a classificare i tuoi prodotti in modo più preciso.
Ad esempio: Scarpe > Scarpe sportive > Scarpe da corsa.
Ricorda di non confondere i diversi tipi di prodotto all’interno delle categorie. Per esempio: evita di aggiungere gli accessori dedicati alle macchine fotografiche nella stessa categoria delle macchine fotografiche.
Utilizzare > o – per separare più livelli in una categoria. Inoltre, includi uno spazio prima e dopo il simbolo > o -.
Per i prodotti di genere (es. vestiti e profumi), è importante che vengano suddivisi nelle categorie dedicate a Donne, Uomini e Bambini. I nostri filtri, infatti, si basano in parte sui nomi delle categorie.
Esempio:
Valori ACCETTATI:
Category: Abbigliamento > Donna > Pantaloni (SI)
Category: Scarpe > Scarpe sportive > Scarpe da corsa. (SI)

6) description | Descrizione lunga del prodotto (obbligatorio)

In questo campo deve essere inserita una descrizione del prodotto dettagliata che fornisca agli utenti informazioni aggiuntive relative al prodotto e alle sue caratteristiche.

7) availability | Disponibilità del prodotto (obbligatorio)

La quantità è rappresentata da un valore testuale che segue lo standard: https://schema.org/ItemAvailability
I valori accettati nel campo sono:
BackOrder
Discontinued
InStock
InStoreOnly
LimitedAvailability
OnlineOnly
OutOfStock
PreOrder
PreSale
SoldOut

Esempio:
Valori ACCETTATI:
availability: InStock (SI)
availability: OutOfStock (SI)
Valori NON ACCETTATI:
availability: 3 (NO)
availability: 0 (NO)
availability: disponibile (NO)
availability: in magazzino (NO)

8) price_currency | Valuta da attribuire al prezzo nel formato ISO 4217 (obbligatorio)

Valuta da attribuire al prezzo del prodotto, è necessario che il valore inserito segua il FORMATO ISO 4217.
Per maggiori dettagli clicca qui:
Esempio:
Valori ACCETTATI:
price_currency: EUR (SI)
price_currency: GBP (SI)
Valori NON ACCETTATI:
price_currency: euro (NO)
price_currency: € (NO)
price_currency: EURO (NO)
price_currency: dollari (NO)
price_currency: $ (NO)

9) product_url | url del prodotto (obbligatorio)

L’URL del prodotto nel tuo negozio può contenere anche parametri di tracciamento per strumenti di analisi come Google Analytics.
La mancanza dell’URL relativo al prodotto comporterà l’esclusione del prodotto dal processo di import.
Esempio: https://www.mystore.com/product.html

10) gtin | codice Codice GTIN del prodotto (obbligatorio)

Il GTIN (Global Trade Item Number) è la chiave GS1 usata per identificare i prodotti (unità consumatore) e i colli (unità imballo) in tutto il mondo, per venderli nella grande distribuzione e online (Amazon, eBay, Alibaba, Google Shopping, eShoppingAdvisor).
Se questi valori non sono disponibili lascia il campo o la colonna vuota.



Registrati e porta il tuo eCommerce a un livello superiore. È Gratis!

Ho letto e accettato quanto riportato nell' informativa sulla privacy e nelle condizioni generali del contratto .