Home » Consigli e strategie per e-commerce » 10 segreti per preparare il tuo negozio online al Black Friday

10 segreti per preparare il tuo negozio online al Black Friday

Il Black Friday, in America, è il nome informale per definire il venerdì dopo il giorno del Ringraziamento ed è ormai uno dei giorni più frenetici per il mondo dello shopping, poiché dà il via alla stagione delle feste invernali. Questa è, infatti, una stagione decisiva per la maggior parte dei rivenditori.

Il Black Friday, in America, è il nome informale per definire il venerdì dopo il giorno del Ringraziamento ed è ormai uno dei giorni più frenetici per il mondo dello shopping, poiché dà il via alla stagione delle feste invernali. Questa è, infatti, una stagione decisiva per la maggior parte dei rivenditori.

Black Friday 2022: quando è?

Quest’anno il Black Friday sarà il 25 di novembre; negli ultimi anni le cifre derivanti dallo shopping durante il periodo del Black Friday hanno raggiunto e superato la decina di miliardi e questa frenesia da acquisti online non diminuirà neanche quest’anno, anzi, tutt’altro. I consumatori amano le offerte e il periodo di festa imminente li spinge ad acquistare di buonumore. Ma questo cosa significa realmente per i gestori di eCommerce? Vuol dire che è necessario pianificare il prima possibile per non farsi trovare impreparati.

I saldi stagionali sono una grande occasione per i consumatori, e dunque per i negozi per incrementare vendite e attrarre nuovi clienti. Come preparare il tuo eCommerce al Black Friday?

Pianifica per tempo i contenuti del tuo sito eCommerce: 3 consigli

1. Gioca d’anticipo. I tuoi clienti andranno in cerca di offerte già da ottobre

Se non lo hai già fatto, comincia a pensare subito a una strategia da attuare per il Black Friday. Un sondaggio ha dimostrato che più della metà dei consumatori comincia a fare acquisti per le feste fin da Ottobre. Quindi è questo il periodo giusto per cominciare a proporre coupon o offerte speciali. Meglio essere in anticipo che farsi trovare impreparati.

 

2. Controlla la velocità del tuo sito web e il processo di check-out. Sito lento = Niente vendite

Quando si tratta di fare shopping online un sito che si carica molto lentamente può scoraggiare i clienti ad acquistare. Infatti, il 46% degli utenti afferma che difficilmente sceglieranno di tornare a fare acquisti su un eShop “lento”. È quindi fondamentale assicurarsi che questo non accada. Fai in modo che il processo di check-out sul tuo eCommerce sia il più veloce e lineare possibile, senza strani ostacoli da superare. Gli utenti che scelgono di fare acquisti durante il Black Friday sono acquirenti frenetici, che non hanno tempo da perdere; hanno a disposizione migliaia di store tra i quali scegliere e un tempo piuttosto limitato.

3. Ottimizza i prodotti

7 utenti su 10 non hanno idea di cosa compreranno, quindi è essenziale dare ad ogni tuo prodotto una chance di essere messo in risalto. Per fare ciò assicurati che i prodotti siano ottimizzati sul motore di ricerca e quindi facilmente rintracciabili all’interno del sito stesso.

Se hai fatto delle promozioni durante lo scorso anno, ricordati di leggere attentamente i dati riguardanti le vendite per capire cosa sia andato realmente bene. Questa informazione potrà darti nuove idee per modifiche a prodotti già esistenti.

Pianifica in anticipo e crea una lista prodotti che determinerà quali mandare in saldo e con che prezzo.

 

Aumentare le vendite significa saper gestire grandi quantità di traffico

Così come l’organizzazione offline dell’azienda, il sito web deve garantire performance adeguate al prevedibile aumento di traffico che raggiungerà i prodotti del tuo e-commerce. La prima impressione dei nuovi utenti verrà proprio dal tuo sito web, dal suo aspetto ma anche dalla velocità di caricamento della pagina.

Un picco improvviso di visite può mettere in difficoltà il server dell’e-commerce, costringendo i visitatori a fastidiose attese. Il numero di utenti che abbandona il tuo sito web dopo aver visitato una sola pagina dipende anche alla velocità del sito.

Alcuni accorgimenti per preparare il sito web al prossimo Black Friday

  1. Testa la velocità di caricamento con PageSpeed Insights.
  2. Ottimizza le immagini attraverso uno strumento che ne riduca le dimensioni (come TinyPNG)
  3. Scegli servizi di hosting ottimizzati per la velocità

Non sei convinto della relazione tra velocità del sito e risultati economici? Secondo SOASTA (2016), il 28% degli utenti non ritorna più su un sito lento; durante la frenesia del Black Friday, la lentezza può risultare fatale. Gioca d’anticipo, evitando così di compromettere la tua campagna di vendite.

Attenzione all’acquisto online tramite mobile

Nel 2022 ci aspettiamo che il 69,4% delle persone acquisteranno online da mobile; comprare da smartphone è sempre più la prima opzione per i consumatori.

I risultati di numerose ricerche, come quella appena citata, sottolineano l’importanza di un e-commerce responsive, ovvero navigabile senza difficoltà anche sullo schermo degli smartphone.

Ancora una volta, il tema dell’esperienza dell’utente risulta fondamentale nel processo di conversione. Rinunciare a una vendita online a causa di un sito web non ottimizzato per il mobile non è più concesso.

Black Friday e il principio di scarsità

Robert Cialdini, nel suo libro Le armi della persuasione, descrive un concetto che dovresti conoscere e sfruttare all’interno del tuo e-commerce. Si tratta dell’elemento che, più di tutti, ha determinato il successo del Black Friday, il principio di scarsità.

Tutti apprezzano ciò che è esclusivo e limitato, in particolare quando il suo acquisto è incentivato da un’offerta di risparmio: “Per le prossime 24 ore tutti i prodotti sono scontati del 50% fino ad esaurimento scorte”. Trova un modo originale per scatenare nei visitatori un senso di urgenza, e vedrai aumentare le vendite dei tuoi prodotti in maniera esponenziale.

Black Friday: Aumentare la vendita o aumentare i clienti?

Come hai letto in questo articolo, il fisiologico aumento della spesa media online può essere rivolto a vantaggio della tua attività con semplici accorgimenti. Ti sei chiesto, però, se ciò di cui hai davvero bisogno durante il Black Friday sia aumentare le vendite?

Ricerche dimostrano che i vecchi clienti acquistano circa il 33% in più rispetto ai nuovi e il loro costo di acquisizione è minore. Alla luce di questi risultati, ha senso usare il Black Friday per vendere ad utenti non in target? Implementa, piuttosto, l’acquisizione di un numero limitato di persone in target. Cura, inoltre, la fidelizzazione di coloro che hanno dimostrato di apprezzare il brand.

A questi ultimi potresti offrire premi, inviare contenuti di valore e assicurare offerte esclusive. Come sostiene Kevin Kelley, uno dei fondatori di Wired, basterebbero 1.000 persone (i cosiddetti true fans) realmente appassionate a ciò che fai, per darti la visibilità necessaria ad avere successo.

Come sfruttare al massimo il Black Friday

Usa la riprova sociale

Un problema comune che probabilmente ti ritroverai ad affrontare riguarda il fatto che la maggior parte degli utenti sarà indirizzata sugli stessi canali che controlleranno anche i tuoi clienti.

Anche tu, per la maggior parte delle volte, sei un cliente e potrai confermare che la tua casella di posta elettronica è piena zeppa di email promozionali, come il tuo feed di Instagram e Facebook di pubblicità e sponsorizzazioni. Anche i centri commerciali e i negozi ormai cominciano ad allestire l’esposizione stagionale sempre più in anticipo rispetto agli anni precedenti, proprio per spiccare tra la folla e portarsi avanti nella competizione.

Nella routine di tutti i giorni gli utenti disdegnano le pubblicità e il marketing tradizionale:

  • il 94% dei consumatori salta le pubblicità prima di un video;
  • il 91% si disiscrive dalle newsletter
  • il 44% delle email non viene mai aperto

Mentre i brand principali aumentano gli investimenti sui loro social media e sulle proprie pubblicità, tu puoi scegliere una strada più personale, sfruttando un canale più intimo: quello del passaparola. Il passaparola è infatti la forma di marketing che comunica più sicurezza in assoluto, e alla quale si affida l’86% dei consumatori.

Prima di fare qualsiasi acquisto, infatti, gli utenti hanno l’esigenza di ascoltare cos’hanno gli altri da dire a riguardo. Per questo il 90% dei consumatori cerca recensioni online prima di acquistare un prodotto e questo rappresenta un dato significativo poiché il 59% degli utenti prova soddisfazione nel dire la propria riguardo a un prodotto specifico e questo genera a sua volta miliardi di conversazioni e menzioni legate ai brand, ogni giorno, in tutto il mondo.

Probabilmente sono proprio questi scambi di opinione a guidare l’economia dello shopping online al giorno d’oggi, poiché in grado di influenzare qualsiasi decisione d’acquisto.

E non è finita qua: i clienti acquisiti tramite il passaparola spendono il 200% in più degli altri e, in caso di soddisfazione, consigliano un eCommerce il doppio delle volte.

Pensa: ci vogliono solo 1000 clienti per generare mezzo MILIONE di conversazioni riguardanti un singolo brand, per questo non puoi sprecare l’opportunità di raccogliere le tue recensioni iscrivendoti su eShoppingAdvisor, in modo del tutto gratuito.

CONCLUSIONE

Spero che i nostri consigli vi abbiano fatto comodo! Continuateci a seguire e di certo non vi mancheranno aggiornamenti, spunti e opportunità legati al mondo dell’ecommerce.

Con eShoppingAdvisor,  piattaforma autonoma e indipendente basata sulle recensioni verificate e certificate, puoi fare moltissimo per il tuo ecommerce e puoi accedere ad un’ opportunità di business digitale grazie alle recensioni. Inizia subito  e vedrai quanto è facile: registrati gratuitamente , segui il nostro blog per ricevere sempre tutti i nostri aggiornamenti.


Condividi


ISCRIVITI A ESHOPPINGADVISOR E PORTA IL TUO E-COMMERCE AL LIVELLO SUCCESSIVO

Ho letto e accetto quanto riportato nell' informativa sulla privacy e nelle condizioni generali del contratto .