fbpx

Vuoi conoscere eShoppingAdvisor raccontata in sardo? Ascolta (e leggi) l’intervista!

radio sintony

Itta esti eShoppingAdvisor?
Andrea Carboni, CEO di eShoppingAdvisor, è stato intervistato su Radio Sintony durante “Come è nato” per raccontare la storia di una startup di successo nata in Sardegna.
Questa trasmissione (fatta con l’aiuto della Regione Sardegna periodo 2000/2021) punta a far conoscere le startup sarde, quale è appunto eShoppingAdvisor: la Sardegna infatti è stata la prima Regione a credere ed investire tramite “Sardegna Ricerche” nel progetto del nostro portale che aiuta i piccoli e medi e-commerce a sopravvivere ai grandi marketplace, aiutando al tempo stesso i clienti a trovare su internet ogni cosa in tutta sicurezza.
Andrea gentilmente ci ha preparato la trascrizione in italiano, che potete leggere sotto. Buon ascolto!

 

MORENO (SPEAKER)
Benvenuti alla programmazione di Radio Sintony in lingua sarda, io sono Moreno Pisano e questo programma di chiama “Lo sai come è nato?”. Andiamo a parlare riguardo Imprese e Startup Innovative in Sardegna e non solo in Sardegna e oggi siamo in compagnia di Andrea Carboni.

 

MORENO.
ITA: Allora Andrea, cos’è eShoppingAdvisor?
SARDO: Inzandusi Andrea, itta esti eShoppingAdvisor?

ANDREA.
ITA: Grazie Moreno, allora, eShoppingAdvisor è un luogo in internet dove la gente può cercare i migliori negozi online senza rischiare di essere fregata. Questo luogo è un portale su internet nato proprio per aiutare i negozi online medi o piccoli. Per questo all’interno è possibile trovare solo questi e-commerce e non i grandi come Amazon, Zalando e gli altri.
Quello che vogliamo fare e di trattenere i soldi in Italia aiutando i piccoli e-commerce a sopravvivere ai grandi e aiutando la gente a trovare sempre su internet ogni cosa senza essere fregati.
I negozi possono poi crescere chiedendo opinioni ai clienti e queste opinioni possono aiutare la gente a capire se i negozi sono sicuri o meno.
SARDO: eShoppingAdvisor esti un logu in internet aundi sa genti poridi ciccai is mellusu buttegasa online aundi comprai is cosasa, sinzada arrischiai de’essi frigada.
Custu logu esti un portali in internet nasciu propriu po aggiudai sa bottegasa online mediasa o pitticasa. Po custu aintru podisi agattai sceti custasa buttegasa e non sa mannusa de su web cummenti Amazon, Zalando e isatrusu.
Su chi olleuso fai esti de tenni su dinai in Italia ajudendi sa buttegasa a sopravvivvi a is mannusu i sa genti ad agattai sempre in internet dogna cosa po du comprai chenee a essi frigau.
Sa bottegasa, pointi cresci domandendi opinionisi a is crientes e custasa opinionisi pointi aggiudai sa genti a cumprendi si sa bottega esti sugura o no.

 

MORENO.
ITA: L’ecommerce in questi ultimi tempi è cresciuto parecchio, perché la gente è rimasta più in casa, non è potuta uscire, ha comprato su internet e questi servizi che voi date sono risultati molto importanti. Allora Andrea, raccontami un poco come è nato eShoppingAdvisor.
SARDO: S’icommerce in custu tempus s’esti ammaniau meda, poitta sa genti esti abarrada prusu in domu, no esti potza essiri, ari comparau in internet e custu serviziusu chi bosatrusu donais esti importanti meda. Inzandusi Andrea contamiri unu pagu cumenti est nasciu eShoppingAdvisor.

ANDREA.
ITA: Si grazie Moreno, eShoppingAdvisor è nato parlando con il mio migliore amico, che è anche il mio compare, mentre stavamo cenando cinque anni fa con le famiglie. Ricordo che chiesi a lui se avesse un idea per aiutare le imprese e la gente. Lui, il giorno dopo mi chiamò dicendomi: “ho avuto un idea: stavo cercando articoli particolari per la barca che ho comprato, e sto trovando poche cose su internet, e non so dove le posso comprare per trovare negozi online sicuri e così è nata questa idea dei un “TripAdvisor degli E-commerce”, come il portale grande che tutti conoscono, TripAdvisor, per i ristoranti, gli hotel e altri. 
SARDO: Esti nasciu chistionendi con su mellu amigu miu che esti puru guppai, mentrasa feusu cenendi agoa de cinquannusu cun is familiasa. Arregordu che domandai a issu si tenida una idea po aggiugai impresasa i sa genti.
Issu, sa die chi enniri mi izzerio nerendimiri “appu tenniu un idea: femmu cicchendi cosasa particularisi po sa barca chi appu comprau, i seu agattendi pagu cosasa in internet e non sciu andi da pozzu cumprai po agattai bottegasa online segurasa. E aicci esti nascia custa idea de uno “TripAdvisor de s’E-Commerce”,  commenti su portali mannu chi tottusu connoscinti, TripAdvisor, poi is ristorantisi, is hotel e otrusu.

 

MORENO.
ITA: Le idee più belle nascono a tavola quando mangi, bevi e parlo con gli amici e gli prendi le idee che poi prendono il via, ma per mettere in piedi eShoppingAdvisor quali competenze e studi ci sono dietro?
SARDO: Sas ideas prusu bellas nascinti in sa mesa candu uno pappada, buffada e fueddada cun is amigusu e di ogada ideasa chi poi lompinti ai langus meda, ma po pesai eShoppingAdvisor, poitta appu cumprendiu chi esti una cosa tecnologica, ca servidi internet puri, ca servidi programmazione e sviluppu de su sitiu internet, calli cumpetenzias e istudios ci funti agoa?

ANDREA.
ITA: Io non sono uno sviluppatore e ho avuto l’idea di questo TripAdvisor degli E-Commerce e ho chiamato diversi amici miei che sanno fare queste cose perché la capacità di un imprenditore è anche quella di trovare gente amica che sa fare quello che serve fare per creare i progetti e per questo ho chiamato gli amici sviluppatori che si sono apassionati a questa idea e hanno fatto – in sardo non so come si dice – “il codice informatico”, hanno tradotto in informatica questa idea di questo portale per i negozi online e così è nato eShoppingAdvisor.com.
SARDO:Deu no seu unu sviluppadori i eppu tenniu s’idea de custu TripAdvisor degli e-commerce i appu izzerriau medasa amigusu miusu chi scinti fai custas cosasa poitta sa cumpetenzias de un imprendidori esti de agattai genti amiga chi sciri fai su chi occurri fai po creai is cosasa e po custu appu agattau is amigusu programmadorisi chi si funti appassiuìonausu a custa idea, anti fattu – in sardu no sciu cummenti si narrada – “su codice informaticu”, anti tradutziu in informatica custa idea de custo portali po’is bottega online e esti nasciu eShoppingAdvisor.com.

 

MORENO.
ITA: Come funziona eShoppingAdvisor? Io voglio usare eShoppingAdvisor, voglio comprare o voglio conoscere questi negozi medi o piccoli e io come cliente che voglio usare eShoppingAdvisor, come posso fare?
SARDO: Cumenti funzionara eShoppingAdvisor? Deu ollu usai eShoppingAdvisor, ollu comparai i ollu conosci custasa bottegasa mediasa e pitticcasa i deu come criente chi ollu usai eShoppingAdvisor cummenti potzu fai?

ANDREA.
ITA: Grazie Moreno, per fare un esempio devi andare su eShoppingAdvisor.co, scrivere, sempre per fare un esempio “salsiccia sarda”, lo devo scrivere in italiano e trovi tutti i negozi italiani medi e piccoli, anche sardi, visto che stiamo cercando prodotti sardi, e puoi trovare tutti gli e-commerce con associate le recensioni dei clienti.
SARDO: Graziasa Morenu, po fai un esempiu depisi andai in eShoppingAdvisor.com, scriri, sempri po fai un esempiu “sartitzu sardu”, du deppisi scriri in italianu, e agattasa tottusu is buttegasa online pitticcasa o mediasa italianasa, sardasa su propriu poitta seusu cicchendi una cosa sarda, i podisi agattai tottusu sa bottegasa con tottusu is opinionisi.

 

MORENO.
ITA: Quindi chi ha comprato ha lasciato scritto che il prodotto era buono, che il sito era sicuro, che il prezzo era conveniente e uno trova i risultati de la ricerca su internet partendo dalle cose più buone che hanno le migliori recensioni.
SARDO: Cuindi chini adi cumparau a lassau scrittu chi sa cosa fiada bona, chi su situ fiada siguru, chi su pretziu fiada bonu e unu agattada su risultausu de sa chirca in internet partendi de is cosasa prus bonasa a custa chi tenninti prus pagu opinionisi bonasa.

ANDREA.
ITA: Si, è così, e queste botteghe possono aiutare la gente a comprare solo dagli ecommerce che sono sicuri, perché la gente ci ha già comprato e può raccontare l’esperienza che ha fatto comprando in questi negozi.
SARDO: Si, esti aicci. I custasa opinionisi pointi aggiudai sa genti a cumprai sceti de is buttegasa online chi funti sigurasa, poitta sa genti adi giau comprau in custasa buttegasa i podiri narai s’esperientzia chi adi fattu comprendi in cistasa bottegasa.

 

MORENO.
ITA: Noi adesso stiamo parlando il sardo ma quali lingue dovete parlare? Sicuramente l’Italiano come tutti perché siamo in Italia, ma dovete parlare anche in Inglese? Il sito si può leggere anche in Inlgese?
SARDO: Nosu oi sesu chistionendi in sadru, ma osatrusu candu traballaisi calli limbasa depeisi chistionai, siguramenti s’Italianu cummenti a tottusu poitta seusu in Italia ma deppeisi chistionai in inglesu puru? Su sitiu si pori liggi in Inglesu puru?

ANDREA.
ITA: Il sito ora è solo in Italiano però vogliamo tradurlo in Inglese e in spagnolo entro l’anno perché possiamo mettere dentro eShoppingAdvisor e-commerce di altre nazioni come la Gran Bretagna, la Spagna e e per questo motivo dobbiamo tradurre il sito nella lingua della Nazione dove vogliamo andare. 
SARDO: Su sitiu esti immoi sceti in italiano però olleusu ponni su sitiu in Inglesu e in Ispagnolu aintru s’annu poitta podeusu con eShoppingAdvisor ponni aintru bottegasa online de otrasa natzionisi commenti sa Gran Bretagna, S’Ispagna, i po custu motivu deppeusu ponni su sitiu in sa limba de sa Natzioni andi olleusu andai.

 

MORENO.
ITA: Avete avuto aiuti o finanziamenti per metter in piedi la Startup? Contributi della regione, dello stato o dell’Unione Europea?
SARDO: Aistentu agiudu po ponni in pei sa startup? Gastos de sa Regioni, de su stadu o e de s’Unione Europea?

ANDREA.
ITA: Si, abbiamo avuto aiuti, e la prima Regione che ha aiutato tutto lo Staff di eShoppingAdvisor è stata la Regione Sardegna con “Sardegna Ricerche”che ringrazio perché con i soldi che abbiamo trovato in sardegna abbiamo completato il progetto e adesso possiamo andare avanti a fare sviluppo, possiamo realizzare nuovi servizi per i clienti. 
SARDO: Si, appu tenniu agiudu e sa prima Regioni che ci ada aggiudau tottu su Staff de eShoppingAdvisor esti stetia sa Regioni Sardigna con “Sardigna Chircas” chi riungratziu poitta cun su dinai chi eusu agattau in Sardigna eusu cumpletau su progettu e immoi podeusu andai innanti podeusu fai sviluppu, pedeisi fai servitziu nousu poi sus crientes.

 

MORENO.
ITA: Poi ho visto che un altro risultato è stato questo di Cassa Depositi e Prestiti che assieme agli altri investitori privati ci ha finanziato 610.000 Euro. Molto soldi, e molti si (prosegue lo speaker), ma è bello sapere queste cose perché fa piacere che i progetti che valgono e che hanno valore, abbiano la possibilità di ottenere finanziamenti per andare avanti e procurare pure lavoro, perché i soldi servono per creare e dare lavoro.
SARDO: Poi appu biu chi atru risultau estetiu custo de Cassa Depositi e Prestiti che impari ad atrusu investidorese privadusu sa donai 610.000 Euro. Mera dinai, e mera si (prosegue speaker), ma esti bellu scidi custas cosas poitta faidi prescieri ca is progettusu chi ballinti  i teinti valore, tenninti sa possibilidadi de scabulli dinai po andai innazisi, fai e donai puru traballu, poitta custu dinai servidi po fai e po donai traballu.

ANDREA.
ITA: Ma Moreno, la nostra attività si svolge in tutta Italia ma il mio cuore è in Sardegna, io sono in Sardegna, a Cagliari e vado a Roma anche per trovare i finanziamenti per mandare avanti l’attività. E questo è un lavoro che ti porta a viaggiare ogni settimana per portare avanti l’attività perché non è facile trovare i finanziamenti solo da noi. 
SARDO: Ma Morenu, deu tengu s’attividadi nostra chi toccada tuttu d’Italia ma su coru miu esti in Sardigna, deu seu in Sardigna, in Casteddu i andu a Roma po scabulli su dinai po andai innanti con tutti s’attivitdadi. E custu esti unu traballu chi ti portada a viaggiai dogna scida po portai innanti s’attividadi poitta no esti facili scabulli su dinai sceti a che nosu.

 

MORENO.
ITA: Chi siete che lavorano nella Startup e come siete organizzati con il lavoro? Siete in 25, giusto?
SARDO: Chini seis ca traballanta aintru de sa startup e cumenti esti organizau e pratziu su traballu? Cantu seisi, seisi 25, a no?

ANDREA.
ITA: Si siamo in 25 a Cagliari. A Cagliari ho il mio amico che segue le attività degli informatici che è il mio socio Andrea Ghiani. Qui a Roma ho tutti i servizi per i clienti e il marketing.
Anche a Modena avete qualcosa? A Modena abbiamo un ragazzo molto in gamba che si occupa dello sviluppo e della ricerca e un altro ragazzo che si occupa della grafica del sito. 
SARDO: Si seusu in 25 no tottusu in Casteddu. In Casteddu tengu s’Amigu mio chi seguidi s’attividadis de s’informaticusu, su sociu Andrea Ghiani. Innoi in Roma tengu tottusu su serviziusu po su crientes e su marketing a no. A Modena puru teneisi calincuna cosa. A Modena teneusu unu picciuccu molto in gamba chi si occupada de su sviluppu i de sa chirca e un otru picciuccu puru chi si occupada de sa grafica de su sitiu.

 

MORENO.
ITA: Andrea facci conoscere un pò il mondo dell’ecommerce
SARDO: Andrea faisi conosci unu pagu su mundu de s’ecommerce

ANDREA.
ITA: Moreno è un mercato particolare con Amazon che ha il 30 percento del mercato, però il mercato più grande è apannaggio degli ecommerce piccoli e mesi che hanno il 66 percento del mercato. Molta gente che vuole aprire per la prima volta questi negozi online pensano che sia facile perché non sanno che ci vuole molto tempo per essere visto dalla gente su Internet in modo che la gente su possa pure fidare. Questa gente non sa che ci vogliono competenze per far crescere un negozio nuovo e che ci vuole molto tempo per farlo. E poi è molto importante che quello che vendi sia diversi dagli altri e che bisogna migliorare sempre l’assistenza ai clienti per vincere la concorrenza dgli e-commerce grandi come Amazon e gli altri. 
SARDO: Moreno esti unu mundu particulari con Amazon chi tenniri su trinta poscentu de su mircau, però su mircau prus mannu esti de se buttegasa pitticasa e mediasa chi tenninti su sessantasesi poscentu.
Mada genti chi olliri oberri po sa prima borda custasa buttegasa online pensanta chi sia facili poitta no scinti chi ci ollidi meda dinai po essi biu in internet de sa genti in modu che sa genti si pozzada fidai puru.
Custa genti no scidi chi ci ollinti cumpetenziasa po fai ccresci una bottega noa e chi ci ollidi meda tempusu po du fai. E poi è meda importanti chi su chi bendisi siada diversu de is atrusu e chi bisongiada migliorai sempri sa assistensia a is clientis po binci sa cuncurrenzia de sa bottegasa mannasa cummenti Amazon e isatrusu.

 

MORENO.
ITA: Quali sono i pericoli degli acquisti on line?
SARDO: Calli funti sos perigulos de comporai on line?

ANDREA.
ITA: Sicuramente il pericolo più grosso è quello di essere truffati pagando un importo e non ricevendo il relativo servizio, oppure i mi trovare in mano una cosa diversa da quella che ho comprato. Altre volte i prodotti arrivano in ritardo.
Altri pericoli ci sono quando in interner mi rubano le mie informazioni come il numero di carta di credito o informazioni relative alla mia identità.
SARDO: E siguru chi su perigulu prus mannu esti de si vai frigai pagandi su dinai sinzada ottenni su chi appu cumprau oppuru de m’agattai in manusu una cosa diversada de sa chi appu cumpoorau. Altra bortasa is cosasa irribbanda meda in ritardu. Atrusu periguluso ci funti candu in internet mi furanta informazionisi de mei cummenti su numeru de sa “carta di credito” i de sa mia identidadi.

 

MORENO.
ITA: Quanto costa il vostro servizio?
SARDO: Cantucostara su serviziu de bosatrusu?

ANDREA.
ITA: Il servizio per essere dentro al portale e far vedere i prodotti che i negozi vendono non si paga, è gratis. Se gli ecommerce vogliono far vedere che sono migliori degli altri mettendo nella prima pagina quello che vendono, devono pagare 39 Euro sino a un massimo di 69 euro al mese se vogliono di più.
SARDO: Su servizio po essi aintru a su sitiu e fai bidi is cosasa chi sa bottegasa beindinti no si pagara, esti gratis. Si sa bottegasa bollinti fai biri ca funti mellusu de is atrusu ponendi in sa primu pagina su chi bendinti, deppinti pagai trintanoi Euro finzasa a unu massimo de sessantanoi Euro si bollinti de prusu.

 

MORENO.
ITA: Come avete lavorato nel 2020. E’ stato un anno difficile però per l’ecommerce è stata una bella cosa. 
SARDO:  Cumenti ais traballau in su 2020. E’ stetiu un annu difficili pero po ecommerce è stetia una bella cosa.

ANDREA.
ITA: Si, l’anno scorso è stato un anno molto difficole per noi, perché i negozi non potevano comprare merce perché le fabbriche sono rimaste chiuse per molto tempo.
Alla fine però il Covis ci ha aiutato perché molta gente durante questa pandemia ha imparato per la prima volta a comprare su Internet e a usare il computer. 
SARDO: Si, s’annu passau è stetiu un annu meda difficili po nosusu poitta is buttegasa no podianta comprai sa merce poitta is fabbricasa fianta serradasa po meda tempus.
A sa fini però su Covid ci ari aggiudau poitta meda genti duranti custa pandemia adi imparau pro sa prima borta a cumprai in internet e usai su computer.

 

MORENO.
ITA: Ti voglio chiedere un consiglio, io ho sempre comprato solo con bonifico bancario, cosa mi consigli di fare per iniziare a comprare in sicurezza usando eShoppingAdvisor?
SARDO:  Ti ollu pregontai unu consillu, deu on line appu comporau scetti cun bonifico bancario, itta mia consillasa de fai poi cumenzai a du fai in sigures ausendi eShoppingAdvisor?

ANDREA.
ITA: Be’, con questa domanda Moreno mi stai aiutando molto perché abbiamo inventato proprio eShoppingAdvisor per rispondere alla tua domanda.
Sicuramente non ti dico di andare a comprare su Amazon o negli altri grandi e-commerce perché dobbiamo aiutare gli ecommerce piccoli a crescere. 
Per questo la prima cosa che devi fare e di trovare i migliori siti che vendono il prodotto che ti serve andando su eShoppingAdvisor e cercando il negozio che la gente dice che è il migliore che lo vende.
Un’altra cosa che devi fare per non essere fregato è, prima di comprare su un ecommerce, di leggere quello che la gente ha scritto dopo che ha comprato sul suo sito.
Se proprio non mi fido ancora devo controllare che il sito mi permetta di pagare con Paypal per essere sicuro al 100 percento. 
Raccomando poi a tutta la gente di stare attenta ai negozi che vendono a prezzi molto più bassi della media, perché ti possono fregare. . 
SARDO: Beh, cun custa domanda Morenu mi sesi aggiudendi meda poitta eusu inbentau propriu eShoppingAdvisor po arrespundi a sa dumanda dua.
Sicuramenti non ti nau de andai a cumprai in Amazon o in isattrasa buttegas mannas poitta deppeusu aggiudai is buttegas pitticcas a cresci.
Po custu sa primu cosa che deppis fai esti de agattai su mellus sitiu chi bendidi sa cosa chi di sirbidi andendi in eShoppingAdvisor e cicchendi sa buttega chi sa genti nanta chi esti sa mellus chi bendidi.
S’atra cosa chi deppis fai po no essi frigau esti, prima de cumprai in sa buttega, de liggi su chi sa genti adi scrittu dopu chi adi cumprau in su propriu sitiu.
Se propriu non mi fidu ancora deppu controllai chi su sitiu mi permittidi de pagai cun paypal po essi siguro a su centu po centu.
Raccumando poi a tuttusu sa genti de stai attentus a is buttegasa chi bendindi a prezius meda basciusu poitta ti pointi frigai.

 

MORENO.
ITA: In quali contesti avete presentato e fatto conoscere eShoppingAdvisor?
SARDO: In calli logusu ais presentau e fattu conosci eShoppingAdvisor?

ANDREA.
ITA: Siamo sempre pronti a farci conoscere nei principali luoghi di incontro per gli ecommerce come il Netcomm Forum, il Web Marketing Festival e a Roma abbiamo l’ufficio all’interno di LuissEnlabs, di LVenture, che è, lo dico in italiano, un “acceleratori di impresa” che aiuta gli imprenditori a conoscere altri imprenditori che vogliono mettere soldi in imprese che possono crescere molto come la nostra.  
SARDO: Seusu sempri prontusu po si fai connosci in sa principalisi todiusu incontrusu de s’ecommerce cummenti su Netcomm Forum, su Web Marketing Festival i a Roma teneusu s’ufficiu propriu aiuntru de LuissEnlabs di LVenture, chi esti, du narru in italianu un “acceleratore di impresa” chi aggiudada a is imprendidorisi a connosci otrusu imprendidorisi chi ollinti ponni dinai in impresasa chi pointi cresci meda cummunti sa nostra.

 

MORENO.
ITA: Ho visto che avete anche delle pagine social, come le state usando?
SARDO: Appubiu ca teneis puru sas paginas social, cumenti da sas seis usendu?

ANDREA.
ITA: Ma, abbiamo molte attività sui social come facebook e instagram e gli latri per portare i negozi che non pagano, perché usano gratis i nostri servizi, a pagare usando i migliori servizi che abbiamo. 
SARDO: Ma, teneusu medasa attividadis in su social cummenti facebook, instragram e isatrusu po portai a is buttegasa che no paganta, poitta usanta is servizius gratis a pagai usendi is mellus servizius chi teneusu.

 

MORENO.
ITA: Andrea, parlami di te, studi, lavoro prima di fare eShoppingAdvisor.
SARDO: Andrea chistionami de tui, istudios, traballos prima de fai eShoppingAdvisor.

ANDREA.
ITA: Ho quarantasette anni a ho iniziato a lavorare venticinque anni fa.
Prima di fare quello che sto facendo avevo un latra startup che aiutava i comuni a farsi pagare dalla gente. 
Vivo a Roma con la mia famiglia sarda e ogni mese torno a casa per stare con l’altra mia famiglia, con mia mamma, e per lavorare con gli altri che mi aiutano a mandare avanti l’attività a Cagliari. 
E approfitto per ringraziare Radio Sintony per questa intervista nella mia lingua e per il lavoro che fate.
SARDO: Tengu quarantasetti annus e appu cummenzau a traballai vintiscincu annus faidi.
Prima de fai su chi sei fadendi tenemu un altra startup chi aggiundada is Communus a si fai pagai de sa genti.
Bivu a Roma con sa famiglia mia sarda e dogna mesi torru a domu po abarrai con sa otra famiglia, cun mi mamma, i poi traballai cun isatrutu chi mi aggiudanta a mandai a innanti s’attividadi in Casteddu.
E approfittu po ringraziai Radio Sintony po custa intervista in sa lima mia i po su traballu chi fadeisi.

 

MORENO
ITA: Grazie a te, Andrea. Io ringrazio nuovamente gli ascoltatori di radio Sintony e ci rivediamo al prossimo appuntamento. 
MORENO: Graziasa a tui Andrea deu torru grazie a tuttusu s’ascordadoris de Radio Sintoni e si torrausu a biri po un altru attoruru.

Articoli correlati

Scrivi un commento